Liguria, Oliveti Aperti un successo. Il ministro Garavaglia: "Ottima iniziativa, il nuovo turismo vuole questo"

di Redazione

"Il turismo lento non è una moda, è un fenomeno che sta diventando di massa. Camper, bici elettriche e la possibilità di stare in mezzo alla natura"

Liguria, Oliveti Aperti un successo. Il ministro Garavaglia: "Ottima iniziativa, il nuovo turismo vuole questo"

"Stiamo lavorando per dare all'Italia un Piano strategico dell'enogastronomia, per favorire lo sviluppo del valore delle nostre produzioni di eccellenza e dei loro territori". Lo ha detto il ministro del Turismo Massimo Garavaglia intervenendo al convegno 'Turismo dop, le esperienze del turismo enogastronomico dei consorzi di tutela' organizzato dalla Fondazione Qualivita a Lucinasco (Imperia) nell'ambito dell'iniziativa Oliveti aperti promosso dal Consorzio dell'olio Riviera Ligure DOP durante questo fine settimana in tutta la regione.

"Da novembre coinvolgeremo i Consorzi di tutela del sistema agroalimentare DOP IGP italiano, per condividere la strategia e gli obiettivi. L'enogastronomia rappresenta un comparto trasversale a tutti i settori economici ed è fondamentale promuovere i territori a partire dalle filiere di qualità", ha aggiunto il ministro. Accanto all'enogastronomia si sta "sviluppando il cosiddetto turismo lento. Non è una moda, è un fenomeno che sta diventando di massa e molto interessante che va organizzato - ha sottolineato Garavaglia -. Tutto si tiene: camper, bici elettriche con pedalata assistita, la possibilità di stare in mezzo alla natura. Il nuovo turismo vuole questo e l'oleo-turismo così come l'eno-turismo e il turismo enogastronomico in generale sono un'ottima occasione".