La Spezia, maxi operazione della Guardia di finanza: sequestrati 150mila oggetti contraffatti in tutta Italia

di Redazione

L'operazione "Reset Challenge" rivela un'organizzazione specializzata nella vendita di gadget con il falso marchio del social network Tik Tok

Da un deposito di Prato partivano migliaia di abiti, mascherine ed etichette con il marchio contraffatto Tik Tok pronti per essere venduti su internet e in negozi di diverse regioni italiane. L' operazione "Reset Challenge" della Guardia di finanza della Spezia ha individuato una vera e propria filiera del falso, portando al sequestro di 152.836 articoli  e denaro contante per oltre 15mila euro; 14 persone, 4 cittadini stranieri e 10 italiani, sono state denunciate per i reati di contraffazione e ricettazione

L'indagine è partita da un controllo in un negozio nel centro della Spezia, dove erano esposti per la vendita articoli di abbigliamento e mascherine di cotone recanti il marchio contraffatto del celebre social network Tik Tok, molto amato dai ragazzi. I finanzieri hanno inoltre monitorato diverse pagine internet specializzate in vendita di abbigliamento, scoprendo una vasta rete di commercio di questi prodotti sia online che in negozi fisici in Liguria, Lombardia, Emilia Romagna, Marche, Molise, Lazio e Campania.

Le imitazioni, tutte "nate" a Prato, erano prodotte con mezzi professionali: durante la perquisizione di un deposito e di una serigrafia nella città toscana, la Guardia di finanza ha trovato stampanti 3D, numerosi cliché in metallo (ovvero strumenti per imprimere una stampa), rotoli di carta griffata per il confezionamento e stampanti di ultima generazione, anche 3D.

Nei luoghi sottoposti a sequestro c'erano anche molti oggetti "neutri" pronti per essere stampati con il falso marchio Tik Tok. Inoltre, l’analisi della documentazione contabile ed extracontabile ha permesso di individuare e procedere ad ulteriori perquisizioni e sequestri di articoli contraffatti presso alcuni negozi localizzati a Milano, Livorno, Bologna, Ravenna, Ancona, Roma, Campobasso, Napoli e Salerno.