Genova, la affascinante storia di Euroflora in un libro di Antonio Lavarello

di Redazione

50 sec

"1966-2022 Paesaggi in mostra" il libro di Antonio Lavarello, terza generazione dei curatori della rassegna. "Una magia che si rinnova ogni anno"

Una famiglia, una storia legata profondamente a Euroflora. Antonio Lavarello, terza generazione di esperti nell'allestimento della rassegna, ha raccontato in un libro una avventura dal sapore veramente particolare; "1966-2022 paesaggi in mostra" il titolo del suo lavoro scritto con Paola Sabbion. Se ne è parlato anche stamani nel corso di "Onde di Fiori", incontro promosso dall'Università di Genova.

Lavarello ha raccontato questo lungo cammino durante la Diretta Live di Telenord. "La prima edizione fu quella della scoperta - racconta - della sfida di mettere il verde, così tanto verde in un palazzo di vetro. L'esito fu subito, speciale. Una mmeraviglia che si realizzava. Da lì, ogni anno, la chiave è stata: come rinnovare la meraviglia? Una vicenda stimolante".

La storia è davvero affascinante. "E' stata una costante crescita che ha consentito a Euroflora di essere sempre più apprezzata, non ci sono stati momenti particolarmente rivoluzionari. Se non, forse, il trasferimento ai Parchi di Nervi, che ha ovviamente determinato un totale cambio di prospettiva".