Genova, il 9 dicembre scioperano i lavoratori della pubblica amministrazione

di Redazione

Cgil, Uil e Cisl chiedono assunzioni, sicurezza e il rinnovo del contratto, ma i servizi essenziali saranno garantiti: lo slogan è "Protesto ma non mi fermo"

Mercoledì 9 dicembre si terrà lo sciopero dei dipendenti della pubblica amministrazione. Fp Cgil Cisl Fp Uil Fpl Uil Pa chiedono il rinnovo del contratto di lavoro scaduto da due anni, assunzioni e maggior sicurezza per cittadini e lavoratori

In questa fase pandemica è emerso evidente il problema della sicurezza sul lavoro: i contagi sul lavoro da Covid-19 registrati dall’Inail alla data del 31 ottobre sono 66.781, pari al 15,8% del complesso delle denunce di infortunio sul lavoro pervenute dall’inizio dell’anno e al 9,8% dei contagiati nazionali comunicati dall’Istituto superiore di sanità (Iss) alla stessa data. I casi mortali sono 332.

Per sostenere i cittadini e aiutare le imprese servono enti pubblici più efficaci che però, denunciano i sindacati, sono stati svuotati dal blocco delle assunzioni e dai pensionamenti ed hanno dipendenti con un’età media di 51 anni. La nota stampa congiunta diffusa dalle sigle sindacali chiede un piano straordinario di assunzioni: 500 mila sono i lavoratori che verranno a mancare alla pubblica amministrazione a causa dei pensionamenti. 

La pandemia, continua la nota, ha dimostrato che il lavoro pubblico è indispensabile al paese e i servizi pubblici quindi questi vanno rafforzati, quindi si chiedono .al governo più risorse per i contratti di tutti i lavoratori pubblici per organizzare meglio le amministrazioni, per personale più qualificato. Secondo i sindacati, lo sciopero è stato dichiarato perché su assunzioni, sicurezza e contratti non ci sono state risposte adeguate.

L’appuntamento per le manifestazioni regionali in Liguria è fissato per mercoledì 9 dicembre dalle ore 10 davanti alle Prefetture delle quattro provincie liguri della Spezia, Savona, Imperia e Genova.