Genova: ecco i vincitori di "Contemporaneamente", il concorso dell'ordine degli architetti

di Edoardo Cozza

La giuria ha scelto i tre lavori più meritevoli tra i 56 ricevuti: una selezione di opere sarà proiettata durante la Genova BeDesign Week 2022

Genova: ecco i vincitori di "Contemporaneamente", il concorso dell'ordine degli architetti

Central time di Alessandra Vannucci e Michele Cinque, Piazza Giardino di Alberto Danelli e L’Orchestra inclusiva di Duane Martin Adamoli, sono i vincitori di “Contemporaneamente”, il concorso video lanciato dall’Ordine degli Architetti PPC di Genova per mettere in luce i molteplici temi legati all’inclusività, intesa come tendenza a estendere a quante più persone il godimento di diritti e l’opportunità a partecipare a qualsiasi attività sociale. I tre vincitori sono stati selezionati dalla giuria tra le 56 proposte ricevute, secondo i criteri di qualità audio-visiva, valore teorico-critico e attinenza con il tema del bando, e riceveranno un premio in denaro di mille euro ciascuno.

Dal 18 al 22 maggio 2022 i progetti vincitori, assieme a una selezione ritenuta meritevole, saranno proiettati in loop nelle Cisterne di Santa Maria di Castello.  Assieme ai 3 premiati hanno infatti ricevuto una menzione:  Naples metro dance di Carla Pampaluna, Casa Verde in Four Sights di Simone Schimmenti, Arturo Caciotti, Federica Baldassarre, Contemporaneamente di Marco D’Alessandro, DOORBELL di Manuel Macadamia, PERSONE | DESIGN | TEMPO di Sebastiano Marconcini, Marco Morandi, Stefano Sarzi Amadè, Francesca Paiola, A ogni gesto la sua casa di Andrea Centonza, Serge di Gabriele Sorrentino.  

"Ciascuno di noi ha modi e tempi propri per vivere, attraversare e sperimentare gli spazi e questa possibilità dovrebbe essere garantita a tutti nel modo migliore e più ampio possibile - sottolinea Angela Gambardella, Consigliera di OA.GE., referente Commissione Pari Opportunità e curatrice dell’iniziativa - Gli architetti hanno il ruolo culturale di rimarcare l'importanza che uno spazio di qualità assume nel contribuire a generare il benessere collettivo e individuale, di cui il tempo dell’esperienza che si compie, è la sua quarta dimensione, quella più nascosta ed inafferrabile, ma che al contempo ce lo fa percepire in maniera unica. L’auspicio è che questa iniziativa contribuisca a stimolare un dibattito e una progettualità futura consapevole e orientata a garantire una sempre maggiore qualità degli spazi in cui viviamo".

La giuria era composta da: Simonetta Fadda per la visual art, Luigi Berio per la regia di animazione, Luisa Stagi per la sociologia visuale, il video maker Luca Scarzella e Angela Gambardella per l’Ordine degli Architetti di Genova.