Genova, bilancio e obiettivi di Paola Bordilli: "Riqualificati i mercati, ora bonus per i centri storici"

di Edoardo Cozza

L'assessore al commercio in vista delle elezioni: "La parola chiave dal nostro insediamento è stata discontinuità col passato, ora è continuità per il futuro"

Genova, bilancio e obiettivi di Paola Bordilli: "Riqualificati i mercati, ora bonus per i centri storici"
Questa mattina presso il point di coalizione Marco Bucci sindaco, l’assessore Paola Bordilli candidata capolista per la Lega per le prossime amministrative a sostegno di Marco Bucci sindaco ha fatto un bilancio su questi 5 anni di lavoro e le prospettive per i prossimi 5 anni: “Se la parola chiave dal nostro insediamento è stata discontinuità con il passato, ora è continuità per il futuro. In questi primi cinque anni di mandato, abbiamo lavorato per ridare dignità ai settori del piccolo commercio, anche quello degli ambulanti, e dell’artigianato, comparti a lungo trascurati. Molto è stato fatto per la riqualificazione dei mercati comunali coperti, che abbiamo ereditato in totale abbandono, sia da un punto di vista strutturale e benessere lavorativo che di gestione, e, dal confronto costante con operatori e categorie, abbiamo puntato sul loro rilancio anche in chiave sociale al loro servizio dei quartieri. Inoltre, abbiamo intrapreso una svolta storica e con una precisa scelta di tipo politico-amministrativo abbiamo per la prima volta introdotto la possibilità di dare contributi alle piccole e micro imprese dei settori direttamente dal bilancio comunale perché abbiamo creduto e crediamo fortemente che negozi e botteghe svolgano, oltre che un ruolo attivo nell’economia locale e nella creazione di posti di lavoro, anche un imprescindibile presidio sociale e di sicurezza”.
 
Tra i numeri illustrati dall’assessore Bordilli: i 3 milioni di euro per il rilancio del mercato di piazzale Parenzo, i 2,5 milioni di euro per realizzazione del Mog all’interno del mercato Orientale e l’avvio del progetto di ristrutturazione in partnership pubblico-privato. E poi: il nuovo mercato dei Fiori, la riqualificazione di 8 mercati coperti, avviate progettualità su tutti i mercati comunali, il sostegno alle fiere tradizionali, la valorizzazione delle botteghe storiche, i contributi alle Pro Loco, il suolo gratis per i dehors per l’emergenza pandemica – primo Comune in Italia -, i 10 milioni di contributi a micro e piccole imprese attraverso bandi, i 7 milioni di agevolazioni Tari e oltre 400 mila euro a sostegno dei Civ, riconosciuti i ristori per le imprese che hanno convissuto con grandi cantieri cittadini, 100 nuove aperture nel centro storico con il bonus affitti per 5 anni. Sulle fiere, il Comune di Genova è stato l’unico in Italia ad aver recuperato gli eventi che, a causa della pandemia, non si erano potuti svolgere nelle date tradizionali, consentendo quindi un sostegno concreto per la continuità nell’attività agli operatori e un’offerta di socialità ai quartieri che le ospitano.
 
“Vogliamo replicare – ha spiegato l’assessore Bordilli - i sostegni per le attività commerciali e artigianali e far sì che l’intesa commerciale che consente apertura di qualità venga replicata in tutta la città. Tra gli obiettivi dei prossimi 5 anni: estensione dell’Intesa Patto d'area (con Camera di Commercio, Regione, associazioni di categoria e Sovrintendenza) a tutti i centri storici della città, allargamento a tutti i centri storici delle delegazioni degli incentivi previsti dal bando bonus affitto nei Caruggi e nuovi layout dei dehors e maggiore velocizzazione delle pratiche di concessione del suolo pubblico. Il 12 luglio saremo a Roma con Ascom per un programma sui dehors per una migliore integrazione con il tessuto urbano e per i centri storici”.
 
Per la promozione dei prodotti locali e della filiera, sarà attivata la commissione sulle De.Co-Denominazione comunale per l’inserimento di prodotti ed eventi, nuovi progetti di promozione e marketing per le oltre 80 Botteghe storiche e locali di pregio e della tradizione ed eventi-laboratorio nelle delegazioni per la valorizzazione dell’artigianato locale. Sarà attivato, inoltre, nel 2023, il primo programma per la gestione informatizzata dei mercati comunali, su cui è già in corso la realizzazione condivisa con le associazioni, tanto attesa dalla categoria, un’innovazione molto attesa dal settore.
 
“Sono previsti interventi – conclude Bordilli - anche dal punto di vista del sostegno alle piccole imprese attraverso la semplificazione normativa, sostegno a progetti di rigenerazione urbana promossi e condivisi dai Civ, aggiornamento del regolamento del commercio e collegamenti tra Waterfront e città per la cucitura commerciale tra il nuovo polo della nautica e il commercio storico del centro cittadino. Anche bar e ristoranti saranno ancora più coinvolti nell’ottica di una promozione turistica e integrata, oltre che un ulteriore coinvolgimento degli artigiani di qualità e delle tipicità territoriali nell’offerta rivolta ai visitatori della città, che, come vediamo in questi giorni, sono davvero molto interessati alla scoperta di Genova, dei suoi mercati, delle sue botteghe, del food”. Infine l’assessore Bordilli ha ringraziato “le associazioni di categoria, la Camera di Commercio e gli uffici comunali che hanno dato un supporto strategico nel lavoro di questi cinque anni”.