Condividi:


Genoa, Faggiano a Telenord: "In attacco un colpo utile. Karsdorp sì, Jesus no"

di Alessandro Bacci

Il ds rossoblu: "Cutrone nome mai comparso, non voglio sbagliare. Difesa a quattro? Giocheremo a tre"

Daniele Faggiano ospite a We Are Genoa ha fatto il punto sul mercato a Telenord: “Io cerco di lavorare, posso capire qualcuno che pensava fossimo in una fase di stallo ma questo è un mercato particolare. Non è semplice, non voglio sbagliare e sto aspettando di prendere i vari giocatori. Con l’aiuto del presidente ci siamo riusciti, c’è tanta concorrenza. Sono un po’ freddo nelle trattative perché fino a quando un giocatore non firma c’è sempre la paura.”

Il reparto d’attacco sarà potenziato? Cercate il ‘pezzo da 90’? “Spero e penso di si perché dobbiamo ancora completare la squadra. Facendo questo modulo trovare giocatori non è semplicissimo, dobbiamo cercare di prendere qualcuno ma fare anche qualche uscita. Davanti spero di fare un colpo che ci possa servire. I complimenti mi fanno piacere ma vorrei a maggio alla fine del campionato tutta la Genova rossoblu possa essere felice.”

Cosa l’ha convinta a venire al Genoa? “Mi ha convinto tutto, dall’entusiasmo del presidente alla piazza, lo stadio e la tifoseria. Ho lasciato il certo per l’incerto, che significa costruire. Non sono nato e non ho lavorato in posti tranquillissimi quindi sono abituato.”

Il compito di sfoltire la rosa: “Stiamo cercando di piazzare gli esuberi, ho aspettato perché prima devo prendere alcuni giocatori. Prima devono arrivare i sostituti e per fare le coppie qualcuno me lo devo tenere. Ne abbiamo tanti ma ce la faremo, devo essere bravo a fare le uscite. Io penso al bene del Genoa, che è anche il mio. Devo lavorare con la mia testa.”

Karsdorp e Juan Jesus?Uno sì e uno no. Facile non è nulla, la trattativa sembrava chiusa da tre o quatrro giorni ma sono ancora a rompere le scatole alla Roma. Devono trovare il sostituto di Florenzi.”

Criscito e Schone? “Le mie parole sono state interpretate male. Tutti dobbiamo dare di più, per me sono giocatori importanti. Mimmo non si discute, adeso è arrivato Badelj ma sono due giocatori importanti.”

Svolta su Pinamonti domani? “Non penso. Ci stiamo lavorando, non è semplice.”

Cutrone? “Un nome mai comparso”

Sanabria? “Vedremo, stiamo lavorando per concludere più operazioni possibili.”

Tempi ristretti per Maran? “Onestamente è un problema. Noi dobbiamo cercare di lavorare tutti insieme, il ritiro c’è stato ma marginale.”

Difesa a quattro possibile?Noi giocheremo a tre, sempre che il mister non cambi idea”.