Covid, Toti: "Per la Liguria rischio moderato: siamo in zona gialla”

di Redazione

Il governatore: "Vaccino? Non troverei strampalato che per alcune categorie possa essere obbligatorio"

"Secondo il 33/mo report dell'Istituto superiore di sanità la Liguria è in zona di rischio covid moderato e dunque secondo l'ultimo Dpcm equivale alla zona gialla". Lo ha detto il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti stamani a Genova in vista della ripresa delle attività il 7 gennaio. "Nei prossimi giorni - ha aggiunto - ci confronteremo con il Governo su quale posizionamento avrà la Liguria dopo il 7 gennaio".

"Il ministro della Salute Roberto Speranza ha detto che la 'zonizzazione' del Paese resterà anche dopo il 7 gennaio, ritengo che sia una scelta opportuna, ho più volte criticato un Paese che cambia le regole ogni quindici giorni". Lo chiede il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti stamani a Genova. "Dopo la pausa natalizia sarebbe opportuno provare a continuare con lo stesso sistema, che le amministrazioni locali hanno imparato a usare, che i cittadini conoscono e - ha concluso - che premia il rispetto delle regole".

"Dibattere sull'obbligatorietà di un vaccino di cui non sappiamo ancora i tempi di consegna e le quantità che avremo, è molto 'italiano'. Prima cerchiamo di avere il vaccino e poi decidiamo chi è obbligato a farlo e chi può scegliere" - ha concluso Toti - "In un Paese che ha bloccato le libertà costituzionali per quasi un anno, francamente non troverei strampalato che per alcune categorie possa essere obbligatorio. Se i risultati della vaccinazione saranno quelli che stiamo vedendo nei nostri ospedali, ovvero una partecipazione ben superiore al 70 per cento di coloro che vengono chiamati, francamente il dibattito sull'obbligatorietà del vaccino non ha senso di esistere, perché la gente si vaccina di buon grado".

"Era evidente che nelle giornate precedenti al Natale qualche rilassatezza e per fortuna qualche acquisto in più avrebbero portato a un piccolo rimbalzo nella curva dei contagi". Così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti stamani a Genova commenta la risalita attorno a 1 dell'indice Rt sul contagio covid in Liguria negli ultimi quindici giorni. "Nell'ultimo report dell'Istituto superiore di sanità la Liguria resta a rischio 'moderato', nei nostri ospedali siamo scesi sotto il 30% di terapie intensive occupate - sottolinea - Stiamo raggiungendo la soglia del 40% dei letti di media intensità occupati, dopodiché valuteremo i dati successivi al Capodanno per prendere una scelta con il Governo".