Meteo Liguria, dopo la neve pericolo ghiaccio e vento gelido

di Fabio Canessa

Genova nel caos, polemiche sul Comune. Ma Arpal si difende: "Era tutto previsto"

Il peggio è passato, ma ora, dopo la nevicata che ha mandato Genova nel caos, a preoccupare sono gelo e forte vento. Il ghiaccio potrebbe creare problemi nella notte e la tramontana, fino a 120 km/h, andrà a impattare su alberi carichi di neve e potrà creare qualche crollo. Resta l'allerta gialla per neve su tutta la regione (eccetto la riviera di levante) fino alle 6 di giovedì.

L'evento è stato superiore alle attese, ma secondo Arpal era tutto previsto. Spiega Elisabetta Trovatore: "Nelle città costiere è normale che pochi centimetri di neve possano creare disagi. Comunque si è verificato esattamente quanto previsto, un rovescio nevoso ha colpito Genova mentre sul resto della costa le precipitazioni sono state decisamente più deboli. Non escludiamo ancora sporadici episodi, ma quello che ci preoccupa di più è l'arrivo dei venti di burrasca forte con gelate diffuse dove ha nevicato. Quindi massima attenzione a questi due fenomeni.

Scuole aperte quasi ovunque. Disagi limitati nel savonese nonostante la nevicata che per tutto il giorno ha interessato l'entroterra della provincia (dove la coltre bianca non ha comunque superato i 20 cm) e la costa orientale, soprattutto da Savona a Varazze. Qualche problema soltanto sull'autostrada A10, dove nel primo pomeriggio nel tratto tra Savona e Spotorno si sono registrati 3 km di coda dovuti alle difficoltà dei mezzi pesanti nel transitare sulla neve. Mentre le precipitazioni calano, a far paura nelle prossime ore è la possibile formazione di ghiaccio: proprio per questo il sindaco di Celle Ligure ha disposto la chiusura delle scuole per giovedì.

VENTO A GENOVA, LE MISURE

viste le previsioni di vento di burrasca forte per la giornata di domani giovedì 24 gennaio, entrano in vigore le ordinanze del Sindaco che dispongono alcune misure a tutela della pubblica incolumità:

  • divieto di transito ai motocicli, mezzi telonati e furgonati sulla sopraelevata “Aldo Moro” nella giornata di giovedì 24 gennaio;
  • chiusura al pubblico, domani giovedì 24 gennaio di giardini e parchi storici comunali. Al fine di consentire la prosecuzione delle attività e dei servizi pubblici che vengono svolti al loro interno (musei, impianti e locali per attività ludico/sportive, locali ad uso abitativo/associativo), sono individuati appositi percorsi in modo da permettere l’accesso ed il deflusso;
  • chiusura al pubblico nella giornata di domani giovedì 24 gennaio di tutti i cimiteri presenti sul territorio del Comune di Genova.

CAOS STRADE E TRASPORTI

La situazione dei treni viene definita "sotto controllo". "Rispetto alla comunicazione di ieri è stato soppresso un treno in più - ha detto l'assessore Berrino -, per domani, a causa degli accumuli di neve saranno soppressi due treni da Genova ad Acqui Terme (quello delle 6.00 e quello delle 7.05), due da Acqui Terme a Genova (delle 5.20 e delle 7.40) e da Novi per Genova delle 4.10".

A Genova gravi i disagi sulle alture dove la neve ha attecchito sulle strade provocando incidenti e blocchi del traffico. Completamente ferme diverse linee dell’Amt, non solo le collinari ma anche il 15 e il 17. Situazione fuori controllo in corso Europa, tutti in coda a San Martino. La città è stata colta alla sprovvista. I bus sono tornati in rimessa a montare le catene quando la situazione era ormai compromessa. Il resto lo hanno fatto le auto dei privati finite di traverso. La regione ha sottolineato che l'80% delle strade sono state salate. In una nota Amiu riferisce di avere operato la salatura del 100 per cento della viabilità collinare, e del 40 per cento della viabilità cittadina, come previsto dal piano di Protezione Civile.

Per la forte nevicata disagi anche all'aeroporto Cristoforo Colombo dove due voli in arrivo sono stati dirottati mentre due al momento stanno subendo ritardi e quello diretto ad Amsterdam è stato cancellato. Nel dettaglio sono stati dirottati il volo proveniente da Amsterdam e quello in arrivo da Roma è stato spostato. Il volo su cui era a bordo il presidente della Repubblica Sergio Mattarella è partito in orario. La pista è agibile e sono state attivate le procedure de-icing per i velivoli in partenza.

Il gruppo del Partito Democratico in consiglio comunale Genova lancia la polemica sul mancato spargimento di sale sulle strade cittadine nel giorno dell'allerta neve. "Imbiancata e purtroppo impreparata, così in queste ore appare Genova, da più parti abbiamo ricevuto segnalazioni del mancato spargimento di sale sulle strade, contrariamente a quanto annunciato ieri dall'amministrazione, e dell'assenza di catene sui bus Amt in circolazione, per i quali non è stato messo in atto un adeguato piano di prevenzione, come fatto invece le ferrovie". Il Pd parla di disagi in tutta Genova, soprattutto nelle zone collinari.

Nonostante l'ondata di maltempo, caratterizzata dalle 12 alle 16 da una copiosa nevicata, non si sono fermati i lavori di demolizione del ponte Morandi. Le attività sono andate regolarmente avanti a terra, mentre sul moncone ovest si è lavorato solo durante la mattina. Nel momento della nevicata sul ponte, fa sapere la struttura commissariale, non erano previsti interventi. Giovedì è in programma il primo taglio della carreggiata del moncone ovest ma non lo smontaggio.

LE PREVISIONI

Questi i fenomeni previsti nell’avviso meteorologico emesso in mattinata da Arpal:

GIOVEDI’ 24 GENNAIO: Fino al primo mattino, residui fenomeni nevosi deboli o localmente moderati negli interni e possibili spolverate nevose sulla costa di A e B; gelate diffuse, in particolare nelle zone già interessate dalle precipitazioni. Venti di burrasca forte dai quadranti settentrionali su tutte le zone con possibili raffiche fino a 100-120 km/h. Mare ancora agitato per onda da Nord su A. Diffuse condizioni di moderato disagio fisiologico per freddo.

VENERDI’ 25 GENNAIO: Il ritorno al cielo sereno determinerà nelle ore notturne temperature molto basse che daranno luogo a gelate diffuse nell'interno e localmente sui versanti costieri. Venti ancora forti da Nord con raffiche fino a 70-80 km/h. Moderato disagio fisiologico