Condividi:


Lo “strappo” della Lega sul coprifuoco, Pagano: “Restiamo al governo”

di Antonella Ginocchio

Il  vicecapogruppo alla camera a Fuori Rotta: “In aula faremo di tutto per cambiare le cose”. Questa sera ore 21

La Lega si è astenuta sul Decreto Riaperture,  perché non è stato previsto lo slittamento del coprifuoco dalle 22 alle 23, ma non ha nessuna intenzione di uscire dal governo. " Se lo possono togliere dalla testa che noi ce ne andiamo, noi siamo qui con una funzione sociale ben precisa, nel senso che  vogliamo difendere il buon senso e l'interesse degli italiani”. Lo ha detto con chiarezza il vicecapogruppo alla camera, Alessandro Pagano, intervenuto a fuori Rotta, in onda questa sera, giovedì,  alle 21,  che punta l’indice contro Pd e Movimento 5 Stelle: “Questi signori sono convinti che il mondo è soltanto quello che vive dentro casa e, poi tutti gli altri devono adeguarsi: riteniamo che questa visione sia assolutamente sbagliata”, ha ribadito il parlamentare evidenziando la fiducia nel presidente del Consiglio, Mario Draghi.

“Noi non moliamo la presa e siamo convinti che  al più presto troveremo una soluzione”, ha ribadito.  

Per il parlamentare sono necessarie “riaperture più ampie”. Ed in particolare sulla vicenda slittamento coprifuoco alle 23, Pagano ha ricordato che questo punto è stato richiesto con forza dalle Regioni.

“Bisognava ascoltare le Regioni, che sono quelle più vicine alle esigenze dei cittadini, e poi bisognava tener conto dell'osservazione reale", ha ribadito il vicecapogruppo, evidenziando  che la “battaglia” va avanti. I “olpi” decisivi, saranno sferrati in aula. “Gli emendamenti servono anche a questo  - ha ribadito Pagano – abbiamo tante prove e tanti elementi da utilizzare in una  battaglia che è tutta da giocare. Noi siamo determinati e siamo anche convinti che il dialogo rappresenti la strada giusta”