Genova, furti e ricettazione: nei guai un genovese di 45 anni e un ucraino di 23

di Marco Innocenti

Il primo aveva rubato tre power bank e un rasoio elettrico. Il secondo un Ipad Air del valore di 940 euro

Genova, furti e ricettazione: nei guai un genovese di 45 anni e un ucraino di 23

La Polizia di Genova, in due distinte operazioni, ha arrestato un genovese di 45 anni per il reato di furto aggravato denunciandolo anche per ricettazione ed ha denunciato un cittadino ucraino di 23 anni sempre per furto aggravato.

Nel primo intervento, il 45enne è entrato all’interno del negozio Unieuro di via Renata Bianchi nel pomeriggio di ieri e, dopo aver occultato all’interno di uno zaino due power-bank ed un rasoio per un valore complessivo di circa 120 euro, ha poi cercato di uscire senza pagare. Un addetto alla sicurezza, che aveva riconosciuto il 45enne come l’autore di altri furti perpetrati sempre nel suo negozio, lo ha seguito e fermato alle casse per poi chiamare la Polizia. Gli agenti di una volante hanno così bloccato e perquisito il ladro trovandolo ancora in possesso della refurtiva.

Successivamente, dopo aver scoperto che l’uomo aveva parcheggiato uno scooter nei pressi del negozio, gli operatori hanno effettuato anche una perquisizione al mezzo trovando sotto la sella un’ulteriore power-bank risultata poi rubata sempre all’interno della Unieuro. Il 45enne è stato così arrestato per furto e denunciato per ricettazione. Sarà processato questa mattina per direttissima.

Stessa scena a pochi chilometri di distanza. In un secondo intervento, infatti, presso il centro commerciale Fiumara, un vigilante ha fermato il 23enne ucraino che, in compagnia di un amico poi scappato, aveva cercato di rubare all’interno del negozio Media World un Ipad Air del valore di 940 euro. Il giovane è stato trovato poi dagli agenti del Commissariato di Cornigliano anche in possesso di 3 chiavi magnetiche utilizzate per aprire le placche antitaccheggio.