Genova, Campora: "Entro il 2027 nuova linea della metropolitana da Di Negro a Fiumara"

di Marco Innocenti

Il costo stimato si aggira intorno ai 400 milioni: le risorse arriveranno da un bando del ministero a cui il comune parteciperà a fine giugno

Genova, Campora: "Entro il 2027 nuova linea della metropolitana da Di Negro a Fiumara"

Via Dino Col, Villa Scassi, piazza Montano e Fiumara: sono le quattro nuove stazioni della metropolitana il cui progetto è stato presentato oggi dall'assessore ai trasporti Matteo Campora. Chiusura lavori nel 2027 per un costo stimato circa 400 milioni di euro, risorse per le quali il Comune parteciperà ad un bando del ministero in scadenza a fine giugno. Il progetto, che prevede la biforcazione della linea a partire dalla stazione di Dinegro, traguarda poi anche la futura estensione verso ponente, da Cornigliano a Sestri.

"Abbiamo già fatto progettare una nuova “linea Sampierdarena - ha detto Campora - con una stazione in via Dino Coll e una Vila Scassi in corrispondenza all’ospedale, in piazza Montano con il nuovo parcheggio di interscambio e l’ultima fermata nell’area della Fiumara. Questa linea è stata progettata anche a seguito dei confronti messi in atto dall’amministrazione con il territorio, i cittadini, le attività commerciali e gli uffici presenti nel percorso della linea per dare al ponente la risposta trasportistica adeguata per le persone che vivono, transitano e lavorano a Sampierdarena togliendo di fatto molte autovetture dalla strada”. 

La prima stazione che andremo ad aprire sarà la stazione di Canepari che sarà pronta alla fine del 2023 e l’anno successivo sarà la volta della stazione di Terralba - ha aggiunto Campora - Parallelamente abbiamo anche ricevuto i finanziamenti per l’ulteriore estensione fino a Pallavicini, quindi possiamo dire che nei prossimi anni andremo a triplicare l’attuale percorrenza della metropolitana con un allungamento a ponente verso la Val Polcevera, inoltre molti chilometri verranno aggiunti anche per la Val Bisagno coperti dalla “Sky-metro” e poi guarderemo a levante”.