Genova, Bucci: "Intitoleremo una via o una piazza a Beppe Pericu"

di Marco Innocenti

"Invitiamo i genovesi a segnalarci le loro idee. La sua gestione del G8 è un po' come la forza che noi abbiamo avuto dopo il crollo del Morandi"

Genova, Bucci: "Intitoleremo una via o una piazza a Beppe Pericu"

"Stiamo pensando di intitolare una via o una piazza a Pericu". E' l'idea lanciata dal sindaco di Genova Marco Bucci all'uscita dalla camera ardente allestita a Palazzo Tursi per Giuseppe Pericu, l'ex sindaco morto ieri all'età di 84 anni. "La regola dice che si devono aspettare dieci anni - ha aggiunto Bucci - ma vediamo se riusciamo a superarla. Certamente qualcosa dobbiamo fare. Non abbiamo idee precise, ma se qualunque cittadino ne avesse ce le faccia arrivare".

Bucci si è intrattenuto per circa 30 minuti a parlare con i familiari di Pericu. "Ho parlato con la famiglia che ha apprezzato l'aver messo a disposizione il Comune per la camera ardente - ha detto - la gente sta arrivando numerosa e mi fa piacere, il Comune deve fare queste cose perché chi ha fatto il sindaco, lo rimane per tutta la vita, e bisogna far vedere che la città riconosce chi l'ha servita e chi si è dato da fare per tanto tempo".

Il primo cittadino ha ricordato poi le tante cose importanti fatte da Pericu. "Genova capitale europea della cultura è stato un grande momento per la città e la forza che mise nel gestire il G8 nel 2001 è un po' come la forza che abbiamo avuto noi nel gestire il crollo del ponte: quando ci sono le disgrazie in città il sindaco si deve dare da fare. Lui lo faceva, è un bell'esempio per tutti".