"Futura", la scuola digitale sbarca a Genova: tre giorni che guardano al domani dei giovani

di Claudio Cabona

Invasione in città: 3500 docenti e 4000 studenti coinvolti in incontri, dibattiti e laboratori

Futura 2019  è in programma da giovedì 4 a sabato 6 aprile. Nella Superba sono allestite una decina di sfere interattive, issate inPiazza Matteotti, Palazzo Ducale, Piazzale Pertini e ai Giardini Luzzati. 8mila persone sono coinvolte in incontri, dibattiti, laboratorie gare di idee per contribuire al percorso di innovazione in atto negli istituti scolastici italiani.

Dentro il cortile di Palazzo Ducale c'è la bolla dedicata a Orientamenti: in programma showcooking e preparazione di biodrink delle scuole alberghiere del territorio, dimostrazione dei vincitori alle Olimpiadi di Robotica, dalla gara del pesto digitale alle masterclass dove la generazione digital si racconta a genitori e insegnanti. Qui si può consultare il programma del tour nazionale di Futura, che prevede molti eventi per grandi e piccini. Oltre ai dibattiti, tra le sfere di piazza Matteotti è presente un robot Nao capace di interagire con ragazzi autistici e venire incontro ai loro bisogni, mentre ai Giardini Luzzati c'è un muro di sensori che i ragazzi possono dipingerecon delle bombolette ad acqua, un pianoforte che si suona con i piedi, e infine una competizione di calcio in cui si raccolgono dei dati sul gioco da analizzare dopo la partita. La giornata conclusiva, quella di sabato 6 aprile, c'è uno spazio interamente dedicato ai genitori e al mondo dell'orientamento per aiutare e coinvolgere le famiglie in una scelta consapevole per il futuro dei propri figli. Inoltre, sono coinvolte nei laboratori anche le scuole interessate dal crollo di ponte Morandi: Ic Certosa, Iis Fermi, Iis Rosselli, Iis Bergese, Ic Rivarolo.

Futura 2019 è un'occasione anche rilanciare la Superba. Il Miur, infatti, ha stanziato 3 milioni di euro per l'emergenza di Ponte Morandi, impegnati nel mondo scolastico (bus, navette e taxi per mandare i ragazzi a scuola).