Condividi:


Va a casa della ex moglie, scoppia il litigio e lei lo accoltella

di Redazione

L'uomo aveva il divieto di avvicinarsi alla donna

E' finita con una denuncia per lesioni aggravate e una segnalazione per l'inasprimento del divieto di avvicinarsi alla ex moglie, la serata di due italiani, lei 27enne e lui 28enne, che la scorsa notte hanno dovuto spiegare ai Carabinieri quanto accaduto poco prima, nell'appartamento della donna in via Lungo Polcevera.

L'uomo, nonostante il divieto di avvicinarsi, si è presentato alla porta della ex moglie e, con la scusa di prendere un paio di borsoni, è riuscito a farsi aprire la porta, entrando in casa. E' subito scattato il litigio e la donna, alla fine, ha colpito l'ex marito al braccio con un coltello da cucina. L'uomo allora è tornato in strada, dove i Carabinieri lo hanno notato mentre camminava per strada sanguinando dalla ferita al braccio. Nel tentativo di nascondere quanto accaduto, l'uomo avrebbe detto ai militari di essere semplicemente caduto ma, da un controllo più approfondito, hanno scoperto che su di lui pendeva il divieto di avvicinarsi alla moglie.

Insospettiti, i Carabinieri a quel punto sono andati a verificare all'abitazione dove vivono la donna e io tre figli tutti minorenni della coppia. "Non ne potevo più - avrebbe raccontato lei ai Carabinieri - Abbiamo iniziato a litigare e così gli ho dato io il divieto di avvicinamento". L'uomo è stato visitato all'ospedale Villa Scassi di Sampierdarena dove i medici gli hanno riscontrato una ferita giudicata guaribile in otto giorni.