Genova, un albero di Natale di nove metri illumina la Radura della Memoria a Certosa

di Marco Innocenti

I familiari delle vittime: "Abbiamo solo una parola: grazie a tutti". Il vicesindaco Nicolò: "Un momento di luce ma anche di raccoglimento"

Si sono accese accompagnate dal canto degli Spirituals and Folk le luci dell’albero di Natale di nove metri che da stasera illuminerà la Radura della Memoria. Una cerimonia sobria, quella dell’accensione, alla quale per il comune di Genova hanno partecipato il vicesindaco Massimo Nicolò e l’assessore ai Grandi eventi Paola Bordilli.

"Questa è una serata molto speciale – ha detto il vicesindaco Nicolò – e questo è un albero bellissimo. Siamo nel pieno momento del Natale, un momento di luce, ma anche di raccoglimento: un piccolo momento che noi dedichiamo a tutte le vittime del ponte. È un momento che deve essere continuato 365 giorni l’anno".

"Abbiamo lavorato molto – prosegue l’assessore Bordilli – per portare nella nostra città un senso del Natale sia nel centro che delle delegazioni. Voglio ringraziare chi ha collaborato e sponsorizzato questo bellissimo albero e la sua illuminazione. Voglio ringraziare i parenti delle vittime con i quali abbiamo condiviso la scelta di collocare l’albero in questo punto preciso della radura. Credo che sia bello ritrovarci qui, oggi, con la musica e con l’albero per celebrare un Natale che ci ricorda sempre di più come sentirci e ritrovarci comunità".

Presenti alla cerimonia anche i membri del Comitato Vittime Ponte Morandi che, dal palco, hanno speso parole in ricordo dei loro cari. "Non ho nulla da dire tranne che grazie – ha detto uno dei papà delle vittime del crollo – a tutti quelli che si sono spesi per questo albero, alla cittadinanza che ci è sempre vicina e un grazie dal cuore perché ricordiamo quei quarantatré angeli che non ci sono più". "Io qui ho perso mio fratello – dice Michele Matti Altadonna – e voglio dirvi grazie. È una parola banale ma con un significato. Ringrazio le figure istituzionali e le pubbliche assistenze. Vorrei dedicare questo albero proprio a queste ultime perché so il lavoro e i sacrifici che fanno".

 

Subito dopo l’accensione dell’albero, Giusy Moretti, coordinatrice del comitato Quelli del ponte Morandi, ha posto una pallina speciale sull’albero di Natale.

 

L’albero è stato donato dalla Falegnameria Ratto di Orero, mentre le luminarie sono state donate e montate dalla ditta Verdina Luminarie. Aster, invece, ha provveduto al montaggio.