Venerdi, 20 settembre 2019  

Ravenna, Rossi respinge gli addebiti: “Fatto tutto quello che era in nostro potere”

La precisazione: "Tutti i progetti vanno avanti senza interferenze"
2019-09-11T11:07:56+00:00

Dopo che il GIP presso il Tribunale di Ravenna ha emesso un provvedimento di interdizione nei confronti del Presidente, del Segretario Generale e del Direttore Tecnico dell’AdSP del Mare Adriatico Centro Settentrionale i diretti interessati “respingono fermamente gli addebiti, in sintesi non aver impedito l’affondamento della nave Berkan B e relative conseguenze, ritenendoli errati nei loro presupposti di attribuzione soggettiva e infondati nel merito”.

“L’Autorità di Sistema Portuale ha, fin dall’insorgenza del problema, attuato tutto quanto in suo potere per fronteggiare la situazione, evitando così gravi danni ambientali – spiega l’ente guidato da Daniele Rossi in una nota – In attesa delle determinazioni del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti vigilante, l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale garantisce il proseguimento di tutte le proprie attività istituzionali, con particolare riferimento al rispetto delle tempistiche connesse al progetto HUB ed alle operazioni per la rimozione della Berkan B, i cui necessari adempimenti amministrativi sono già ultimati e pronti per la pubblicazione”.

TELENORD