Martedi, 21 maggio 2019  

Cerca di vendere 2 anfore antiche di cui non sa spiegare la provenienza: denunciato

Venticinquenne di Rapallo tradito da un'inserzione online
2019-05-17T18:52:29+00:00

Ha cercato di vendere due anfore marina antiche sul sito Subito.It senza avere i documenti che ne attestassero la provenienza e riuscire a spiegare come le aveva avute. Per questo, Angelo, un pregiudicato di 25 anni di Rapallo, è stato denunciato dalla polizia per ricettazione e impossessamento illecito beni appartenenti allo stato.

L’ipotesi è che le due anfore siano state trafugate su due relitti nei fondali del mare davanti ad Albenga. A scoprire l’inserzione pubblicata sul sito Subito.It al prezzo di 1500 euro per tutte e due e di 900 euro per una è stato un poliziotto del distaccamento nautico del commissariato di Alassio: l’agente ha subito avvertito i colleghi del commissariato di Rapallo, dove il venditore diceeva di custodire le anfore. I poliziotti hanno contatto il venticinquenne fingendosi interessati all’acquisto. Il giovane gli ha dato appuntamento al casello di Rapallo e poi li ha accompagnati nel suo garage dove custodiva le due anfore: qui gli agenti dopo avere rivelato la loro vera identità hanno chiesto di vedere i documenti di accompagnamento delle anfore. Il giovane non è riuscito a fornire nessuna spiegazione su come fosse venuto in possesso dei beni, sottoposti a tutela, e così per lui sono scattate le denunce.Le anfore sono state sequestrate e saranno ora affidate ad esperti in grado di stabilirne la provenienza.