Mal di schiena, quando ricorrere alla chirurgia

di Eva Perasso

Tecniche chirurgiche e indicazioni: intervista al chirurgo spinale

Mal di schiena: ne soffre almeno una volta nella vita l'85 per cento della popolazione, soprattutto tra i giovani in età lavorativa. Fortunatamente l'80 per cento dei mal di schiena non necessita di trattamento chirurgico e guarisce senza trattamento, solo con un po' di riposo.

Radiografia in carico è il primo esame diagnostico per verificare le cause del mal di schiena, in seconda battuta la risonanza magnetica per verificare i tessuti molli (ernie, discopatie) e la TAC, richiesta di solito in casi particolari per l'invasività delle radiazioni. Se si ricorre all'intervento, sempre più vengono usati quelli mini invasivi rispetto ai tradizionali.

Le tecniche mini invasive garantiscono un intervento che "risparmia" tessuto del paziente, ha un dolore post operatorio meglio controllato con un recupero funzionale più rapido. Sono però riservate alla minoranza dei pazienti: c'è bisogno di una patologia con determinate caratteristiche e anche di una anatomia particolare.

Abbiamo approfondito l'argomento nell'intervista tv con Giovanni Casero, chirurgo spinale che lavora presso Humanitas a Milano e che riceve anche a Genova presso Synlab Il Baluardo.