Martedi, 21 maggio 2019  

Lavoro, il vicepremier Di Maio in visita a Piaggio Aero e Bombardier

La Fiom accusa: "Sapore elettorale"
2019-05-17T12:05:02+00:00

Le crisi delle aziende Piaggio Aero e Bombardier saranno domani al centro di una visita del vicepremier Luigi Di Maio in Liguria. Il ministro dello Sviluppo Economico è atteso domani mattina, 17 maggio, a Villanova d’Albenga (Savona) presso l’ azienda aeronautica Piaggio Aero, poi a Vado Ligure, presso la Bombardier, che produce convogli ferroviari.

Piaggio Aero è in crisi anche a seguito dello stop a un progetto governativo per un drone militare e l’ordine per nuovi P180. Sull’azienda aeronautica c’è l’interesse di Leonardo che valuta una offerta concreta per i settori manutenzione ma non per l’intera azienda mentre il commissario ha ribadito che l’azienda è in vendita intera. Sulla visita del ministro i lavoratori sono divisi. La Rsu di Piaggio è soddisfatta dell’interesse del Governo mentre la Fiom di Genova è scettica e parla di visita pre elettorale.

L’arrivo di Di Maio “ha il gusto di una trasferta pre elettorale assolutamente legittima, ma fuori da qualsiasi corretta relazione sindacale. Al momento non è arrivata alcuna convocazione e la Fiom non partecipa ad incontri non formalmente e correttamente convocati dalle istituzioni”. Lo denuncia in una nota la Fiom di Genova.

“Sarebbe invece molto importante che il ministro decidesse formalmente, e nell’ambito delle sue prerogative istituzionali, di convocare il sindacato – dice Bruno Manganaro -. La trattativa Piaggio è sì aperta al Ministero dello Sviluppo, ma ad oggi non esistono soluzioni concrete, solo annunci: sono 500 i lavoratori e le lavoratrici in cassa integrazione, mentre il Commissario di Governo, in accordo con il Ministero dello Sviluppo Economico, ha aperto una manifestazione di interesse anche su ipotesi di vendita a pezzi dell’azienda”.

TELENORD