La diagnosi precoce del tumore alla mammella

di Eva Perasso

Aumentano le donne colpite così come la sopravvivenza. Quando i controlli fanno la differenza

Il tumore alla mammella è il più frequente per le donne - si ammala una donna su otto in Italia - se ne diagnosticano purtroppo sempre di più, anche per via dei controlli aumentati nella popolazione anziana e per l'aumento della sopravvivenza.

Il tasso di sopravvivenza a 5 anni è dell'87 per cento: questo ci fa capire che la sensibilità alla prevenzione così come le terapie sono migliorate.

La diagnosi è differenziata a seconda dell'età: tra i 20 e i 30 anni autopalpazione, a seguire l'ecografia e dopo i 40 anni la mammografia e la tomosintesi. Un controllo all'anno, che si può diradare dopo i 50.

Nella nostra intervista a SaluteSanità Isabella Turtulici, medico radiologo e Nadia Girardi, radiologo senologo ci raccontano come la diagnosi precoce può aiutare a combattere il tumore al seno.