Mercoledi, 24 aprile 2019  

Intesa Spinelli-Aponte, i traghetti merci arrivano a calata Bettolo

In attesa della piena operatività del terminal Msc, un'area sarà dedicata ai tir per Tirrenia
2019-01-26T16:48:21+00:00

Uno spazio di calata Bettolo, compreso fra i 10 e i 20 mila metri quadrati, da destinare in breve volgere di tempo ai tir da imbarcare sulle navi merci di Tirrenia. E’ il risultato trovato grazie all’intesa fra Gianluigi Aponte, armatore di Msc, e il terminalista Aldo Spinelli, che da tempo chiedeva di trovare spazi per questa attività “per non essere costretti a mandare via Tirrenia”.

Il nuovo terminal di calata Bettolo, su cui sono iniziati i lavori, dovrebbe entrare a pieno regime di operatività entro il 2022, andando a costituire il polo delle attività di Msc a Genova. L’intenzione dell’armatore Aponte, però, è sempre stata quella di anticipare l’arrivo dei primi container man mano che le aree sarebbero state pronte. E l’intesa con Spinelli va proprio in questo senso: grazie ad un accordo ancora in via di definizione ma sul quale non sembrano esserci problemi ostativi, i primi volumi di traffico potrebbero arrivare a calata Bettolo a stretto giro di posta, in attesa della piena operatività del terminal.

Il traffico di Tirrenia potrà così restare a Genova, e nel frattempo i due imprenditori si trovano d’accordo anche nella necessità di dedicare ai traffici del porto pure gli spazi sotto l’ex centrale Enel, a ridosso della Lanterna, che potrebbero essere riempiti con i detriti della demolizione di ponte Morandi. Ma questa partita per ora resta sullo sfondo.

TELENORD