Venerdi, 17 agosto 2018 ore 19:20

Salone nautico, obiettivo migliorarsi ancora

2018-05-16T17:45:38+00:00By |

Il Salone Nautico Internazionale che decollerà a Genova nel prossimo settembre l’anno scorso ha avuto, dopo alcuni anni decisamente opachi (frutto della crisi della Fiera Internazionale di Genova e dei contrasti e delle spaccature all’interno delle società italiane di cantieristica da diporto), una singolare ripresa di dimensioni, di qualità e di immagine. Il “segnale” del 2017 è venuto obiettivamente grazie agli enti locali genovesi che, una volta tanto, decisero di fare squadra in funzione dell’immagine della città e della sua disponibilità a dimostrare accoglienza e ospitalità ai visitatori. E’ stata una discreta manifestazione di gioco d’insieme: alberghi, ristoranti, teatri, esercizi pubblici, servizi. Quest’anno, a sentire il sindaco Marco Bucci (e con lui il presidente della Regione Giovanni Toti, il presidente del Porto Paolo Signorini nonché le categorie professionali) si farà ancora meglio. Si punta a nuove iniziative e ad arricchire tutto il corredo di accoglienza al quale parteciperanno anche i centri turistici delle due Riviere che, comunque, metteranno a disposizione ancora una volta ristoranti e alberghi visto che Genova non ce la farà a contenere i numerosi ospiti curiosi e appassionati della nautica.

Sarà un piacere attendere le notizie relative a iniziative e progetti. D’altro canto non ha torto il sindaco Bucci quando, sia pure per accenni, ricorda il successo insperato di Euroflora, risorta dopo più di sei anni, nonostante si temesse per l’ubicazione a Nervi e con l’urgenza di recuperare un parco trascurato da troppo tempo.

La disponibilità della città a puntare ancora una volta su un evento di grande richiamo – in questo caso internazionale – si sposa perfettamente, a sentire le dichiarazioni dei vertici dell’ Ucina e di tutto il mondo della cantieristica da diporto, per quelo che concerne il progetto del prossimo Salone Nautico. La campagna di comunicazione  sarà l’immagine d’una porta aperta sul mare con la scritta “Benvenuti a Casa”. Il Saone è certo la casa d’un certo tipo di nautica, ma anche Genova, indirettamente, è la “casa”. Carla De Maria, presidente dell’Ucina, ha spiegato che quest’anno (con in pratica tutti i partecipanti della scorsa edizione che hanno già chiesto di essere presenti ma che hanno anche chiesto per i due terzi un aumento degli spazi)  il Salone non sarà più generalista ma multispecialistico diviso in vari settori: accessoristica, fuoribordo, vela, motoryacht e superyacht. Saranno più saloni contenuti in uno solo. Si annunciano promozioni di moda a Milano cui seguiranno Roma e le altri maggiori città italiane. Il progetto, ma è un “dream” di carla De Maria da qualche anno, è quello di realizzare un Salone in crescita sempre più internazionale con un ruolo trainante dell’Italia, regina del gusto e dello stile. Con Genova come campo d’azione.