Il nostro sistema sanitario nazionale è a rischio?

di Eva Perasso

Ricciardi, direttore Osservatorio salute regioni italiane: "Italia a livelli di benessere e longevità enorme, ma il sistema non è sostenibile"

Visita a Genova del prof Walter Ricciardi, ordinario di Igiene generale e applicata all'Università Cattolica di Roma e direttore dell’Osservatorio nazionale sulla salute nelle regioni italiane, già presidente dell'Istituto Superiore di Sanità (ISS), che all'ospedale Gaslini ha parlato del nostro Sistema sanitario confrontando regioni e altri Paesi al nostro.

"Il nostro è un grandissimo sistema sanitario che ha portato l'Italia a livelli di longevità e di benessere enormi ma è a rischio: cala la natalità, aumentano gli anziani e il rapporto di dipendenza tra giovani e anziani non è sostenibile. Aumentano anche le malattie croniche: il 40 per cento della popolazione ne ha almeno una", ha raccontato Ricciardi.

Paolo Petralia, direttore generale dell'Istituto Giannina Gaslini e presidente dell'Associazione degli Ospedali Pediatrci Italiani (AOPI): "La pediatria è un sistema e possiamo sperimentare nel piccolo i grandi temi e problemi della sanità italiana: per esempio la carenza degli specialisti e l'imbuto formativo. Si possono sperimentare soluzioni che siano non solo di breve tenuta, con modelli organizzativi nuovi, integrazione tra diverse categorie di professionisti. Al Gaslini verrà presentata una ricerca sulla integrazione dei lavori infermieristici nel processo di cura: con la costruzione di un team si possono spostare le cose da fare nel modo giusto rendendo più efficiente e sostenibile la presa in carico del paziente.