Domenica, 15 luglio 2018

A Genova la seconda tappa del roadshow Ice

2018-03-21T19:29:15+00:00
Genova si conferma prima città ligure per l’export, con poco meno di 4 miliardi di euro, seguita da Savona, La Spezia e Imperia. Nel 2017, le imprese liguri sono state capaci di esportare beni e servizi per 7,9 miliardi di euro con una crescita dell’8,1% sull’anno precedente, superiore a quella registratasi a livello nazionale (+7,4%). Sono questi i dati per il 2017 resi noti nel corso del Roadshow “Italia per le Imprese, con le Pmi verso i mercati esteri”. I dati confermano come la Ligura abbia trovato nell’ export, un aiuto a superare la crisi. “Le imprese genovesi sono più aperte verso i mercati esteri e dobbiamo andare avanti così.
Raffrontando i dato tra l’economia genovese del 2007 è quella del 2017 – ha spiegato Giovanni Mondini, presidente Confindustria Genova – abbiamo visto che l’unico che aveva il segno positivo era quello dell’export, che è stato garanzia di tenuta per le piccole e medie imprese in periodo di forte crisi.
Il loro successo, però – ha sottolineato – non dipende solo dalle eccellenze di prodotti o servizi, ma anche dalla possibilità di usufruire di strumenti adeguati a sostenere l’ impegno, organizzativo e finanziario, nel cogliere le opportunità di crescita oltre confine e competere a livello internazionale”.
E proprio per presentare questi strumenti si è tenuta anche a Genova la tappa del Roadshow che, ad oggi sul territorio nazionale, ha già coinvolto oltre 7.700 aziende e organizzato più di 12.000 incontri con tutti i partner, 2.000 dei quali con
Ice, che definisce con le aziende piani di formazione e assistenza personalizzati.
“I risultati sono positivi – ha spiegato Antonino Laspina – direttore ufficio di Coordinamento Marketing di
Ice-Agenzia – e nel solo 2017 l’89% delle aziende che si sono sedute ai tavoli del Roadshow continua la relazione usufruendo di servizi dedicati all’internazionalizzazione, di formazione o di ricerca di un partner estero”.