Giovedi, 19 settembre 2019  

Genova, arrivano i nuovi bus Citaro Mercedes

Pronti a essere utilizzati su alcune linee del levante cittadino
2019-06-10T14:45:26+00:00

Saranno sulle strade entro una decina di giorni sulle linee 35, 35/ e 44, i 20 nuovi bus Citaro Mercedes a basso impatto ambientale lunghi 10,5 metri con 90 posti totali di cui 20 a sedere. Entra così nel vivo il rinnovamento del parco mezzi di Amt che ha acquistato i bus con un finanziamento di 4,7 milioni della Regione e che nei prossimi mesi porterà un centinaio di bus nuovi. “Questo è un primo passo – ha spiegato l’ amministratore di Amt Marco Beltrami -, entro luglio arriveranno altri 43 mezzi da 18 metri e 23 da 9,5 metri. A ottobre 11 mezzi ibridi da 12 metri e completeremo la flotta dei 10 metri. Mezzi eco compatibili con una qualità notevole di guida oltre a una buona abitabilità. Questi bus andranno a sostituire vetture Euro 1 poco sostenibili dal punto di vista ambientale e dell’ affidabilità”. “Questo è uno degli obiettivi del trasporto pubblico a cui tende l’amministrazione – ha detto l’assessore Gianni Berrino -. Sono già 62 i nuovi autobus a Genova grazie a contributi regionali. I 20 bus che entreranno in servizio tra pochi giorni fanno parte di un accordo del 2013 per cui non erano state stanziate le risorse. Oltre a essere più comodi e confortevoli, sono più sicuri, hanno costi di esercizio inferiori e un basso tasso di incidenza dei guasti”.

“Questi nuovi autobus, arrivati grazie alla fattiva collaborazione dell’assessore Gianni Berrino e ai finanziamenti regionali stanziati per lo svecchiamento del parco bus circolante a Genova, permetteranno di fornire un servizio sempre migliore ai cittadini e di incrementare l’utilizzo del trasporto pubblico da parte dei genovesi – ha dichiarato Stefano Balleari, vicesindaco e assessore alla Mobilità -. Un servizio moderno, offerto con mezzi nuovi è non solo più attrattivo in termini di gradimento da parte di chi lo usa, ma anche più economico per la riduzione dei costi di manutenzione che i bus nuovi richiedono rispetto a quelli datati. Inoltre, è un passo avanti rispetto alla volontà di avvicinare nel breve termine l’età media della nostra flotta a quella europea”.

TELENORD