Domenica, 16 giugno 2019  

Genoa, ripartire per non riaccendere l’incubo retrocessione

Il derby ha lasciato pesanti scorie e i giocatori chiedono l'aiuto dei tifosi
2019-04-16T10:37:53+00:00

Ripartire per non riaccendere gli incubi retrocessione. È l’imperativo del Genoa dopo la bruciante sconfitta subita nel derby. La classifica adesso inizia a farsi preoccupante e il morale della squadra è a terra. I giocatori hanno chiesto il supporto del pubblico, quello che potrebbe rivelarsi un fattore determinante in un momento di difficoltà.

Per questo la società per la sfida con il Torino ha dimezzato i prezzi in tutti i settori. In gradinata sud si potrà assistere al match con dieci euro. Eppure i tifosi hanno già manifestato tutto il proprio disappunto. Il blocco del pullman dei giocatori all’uscita del Ferraris nel post derby da parte di alcuni tifosi non ha fatto altro che alimentare la tensione all’interno dello spogliatoio. Inoltre i gruppi della tifoseria organizzata stanno vagliando l’ipotesi di disertare lo stadio per dare un segnale concreto alla società. Su questa possibilità nei prossimi giorni verrà fatta maggiore chiarezza.

Insomma il derby ha lasciato delle scorie pesanti in casa rossoblu. Su Instagram Bessa ha chiesto il sostegno del pubblico: “Momento non semplice, ma che bisogna assolutamente superare. Dobbiamo e possiamo farlo tutti insieme.” Prandelli si ritrova adesso in una situazione inimmaginabile fino a qualche settimana fa. Il tecnico sembrava aver rilanciato il Grifone riportando solidità e ordine. La squadra osservata nel derby, però, è apparsa senza idee e senza identità: due fattori preoccupanti.

Tensione ben visibile anche in campo. I rossoblu hanno già collezionato sei cartellini rosso dall’inizio del campionato. L’ultimo, in ordine temporale, quello di Biraschi per il fallo di mano in area di rigore. Solo il Cagliari in Serie A ha fatto peggio. I rossoblu lavorano a Pegli a porte chiuse. Il calendario è complicato e la salvezza deve passare già dalla sfida con il Torino, una sconfitta potrebbe complicare maledettamente la rincorsa alla salvezza.

(Alessandro Bacci)