Condividi:


Calata Bettolo, cresce la preoccupazione: "A rischio posti di lavoro"

di Pietro Roth

Benvenuti (Culmv): "Si trovi una soluzione". Laghezza (Confetra): "Situazione assurda". Maresca (Comune): "Vogliamo vederci chiaro"

Cresce la preoccupazione a Genova e in Liguria in riferimento alla situazione di calata Bettolo, con l'Enac che di fatto ha bloccato il progetto di Msc.

"I privati devono operare e investire in un regime di certezze giuridiche - tuona Alessandro Laghezza, presidente di Confetra Liguria - Trovo grave che autorità pubbliche diano pareri contrastanti: da un lato abbiamo l'Autorità portuale che per anni ha investito in quelle aree cifre importanti e dall'altro abbiamo un altro soggetto pubblico che di fatto dice che questi investimenti sono inservibili. Genova e la Liguria meritano di più. Non mi piace parlare di congiure, ma esistono precise responsabilità che non sono solo del presente e un'incapacità complessiva di progettare il futuro dei nostri porti e delle nostre infrastrutture. Noi dovremmo ragionare a dieci, vent'anni; invece siamo fermi nel pantano della burocrazia, dei tira e molla, dai no e dai troppi veti che si stratificano e si sovrappongono, anche l'uno contro l'altro".

"Per noi è fondamentale che un gruppo come Msc investa a Genova, e lo faccia portando nuovi posti di lavoro come quelli che sarebbero nati per calata Bettolo e che lo faccia anche con le sue crociere - aggiunge Francesco Maresca, consigliere delegato al Porto del Comune - Nel rispetto delle direttive Enac vogliamo vederci chiaro come pubblica amministrazione. Parleremo con tutti i soggetti e cercheremo di arrivare ad una soluzione che sono sicuro possa esistere, si tratta di contemperare tutte le esigenze ma non possiamo rinunciare a un progetto del genere importante per il rilancio della città e del suo porto".

Sul tema interviene anche Antonio Benvenuti, console della Culmv: "Per noi si tratta di una opportunità di lavoro che non vogliamo perdere. Nel breve periodo penso si possa ovviare con le gru mobili. Però è strano che si parli di cono aereo in quella zona, più distante dal "Colombo" delle altre..."

L'Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Occidentale invece "prende atto del parere espresso da Enac che, allo stato degli atti, ha ritenuto appropriato richiedere approfondimenti tecnici per individuare eventuali azioni di mitigazione volte al pieno rispetto delle operazioni di volo". E' il commento rilasciato con una nota da Palazzo San Giorgio dopo il parere negativo espresso da Enac sul progetto di infrastrutturazione del terminal contenitori di Calata Bettolo, a causa delle "interferenze" delle gru con l'aeroporto di Genova.

Condividi: