Video Roma, Milano, Genova, la cura del ferro arriva in città

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, ha firmato il decreto di riparto di 1,397 miliardi per le linee metropolitane, filoviarie e in generale del trasporto rapido di massa in città metropolitane e altre città. Nuove risorse che, con i 665,77 milioni approvati dal Cipe scorso, ammontano a 2,063 miliardi in tutta Italia. Sono 26 i progetti che potranno essere completati, grazie a questo finanziamento che si aggiunge ai 548,94 milioni di risorse già disponibili per queste opere. Si va da interventi di manutenzione e miglioramento dell’esistente, all’avvio di nuove tratte, al miglioramento tecnologico, alla fornitura di nuovi mezzi. Per quanto riguarda Genova, il decreto appena licenziato da Delrio porterà in dote 137,38 milioni che saranno utilizzati sia per acquistare nuovi treni sia per ampliare la linea metropolitana, oggi in funzione da Brignole sino a Brin. In particolare il parco mezzi di Amt sarà implementato con 11 treni a trazione autonoma e si inizierà a lavorare all’ampliamento della linea sia verso levante sia in Valpolcevera. L’obiettivo è quello di aggiungere una fermata proseguendo da Brignole verso San Martino, attestando i treni in piazza Martinez a San Fruttuoso, e un’altra fermata in via Canepari.
“La cura del ferro continua nelle città, in particolare nelle città metropolitane, che, con un efficace sistema di trasporto pubblico potranno essere comparabili alle migliori città europee – ha dichiarato il Ministro Graziano Delrio – Con la pianificazione e programmazione pluriennale di opere e risorse, il trasporto ferroviario urbano si rafforzerà costantemente e nei prossimi mesi godrà di ulteriori finanziamenti già previsti per le opere utili e il rinnovo dei mezzi. Tutto il sistema ha ora una sua organicità, affrontata con le Regioni e le città, e sarà in grado di esprimere miglioramenti diffusi a livello nazionale, da Nord a Sud”