Albano (Pd): “Legge sul fine vita una battaglia di civiltà”

“Decidere quali terapie affrontare nel caso in cui si cada in stati di incoscienza irreversibili è un diritto che va finalmente riconosciuto alle persone, non stiamo assolutamente parlando di eutanasia, che è ben altra cosa, ma di avere la facoltà di rifiutare il cosiddetto “accanimento terapeutico”, il protrarre di trattamenti che non portano benessere al paziente in…

Continua la lettura su Città della Spezia