“Ferraris”, l’idea del sindaco Bucci: un Fondo aperto a Genoa e Samp per l’acquisto dello stadio

Un fondo – aperto a Genoa e Sampdoria, che potranno detenerne quote anche in proporzioni diverse – attraverso il quale le due società di calcio genovesi possano procedere all’acquisto dello stadio “Luigi Ferraris”, che il Comune di Genova intende mettere in vendita attraverso un bando pubblico.

 

E’ questa l’idea del sindaco Marco Bucci per alienare l’impianto di Marassi, offrendo una sorta di corsia preferenziale ai due club alleati.

 

La Sampdoria, nell’incontro avuto da Ferrero e Romei con Bucci, ha già manifestato la propria intenzione ad acquistare il “Ferraris”, sia pure ad un prezzo inferiore a quello ipotizzato da palazzo Tursi. Non 15 milioni, ma meno di 10, un prezzo vicino a quello pagato dall’Atalanta per lo stadio di Bergamo (che ha reso necessari minori interventi di riqualificazione rispetto a quelli che dovrebbero essere effettuati al Ferraris). Il Genoa al momento ha espresso una dichiarazione di intenti attraverso l’ad Zarbano, ma il sindaco vorrebbe capire meglio le idee concrete della società rossoblù.

 

Da qui l’idea del Fondo, di cui i due club potrebbero anche acquisire inizialmente parti diverse, in base alle rispettive disponibilità economiche. Con l’impegno a “salire” nel corso degli anni successivi da parte dell’eventuale socio di minoranza. A giorni è attesa la risposta di Genoa e Sampdoria.