Incidenti a Genova: comunicate le strade più a rischio, zona per zona

Da levante a ponente, dalla Valpolcevera alla Valbisagno e al centro città. La mappa delle strade più pericolose è stata ufficializzata in prefettura nel corso della riunione dell’Osservatorio dell’Incidentalità svolta in prefettura e a cui hanno preso parta polizia stradale, polizia municipale, regione Liguria, Istat e Aci.

In base agli incidenti degli ultimi anni le strade a rischio sono queste.

Per il Levante – Corso Europa, Gastaldi e via Tolemaide, via Righetti e via Gobetti.
In Valbisagno – Lungobisagno D’Istria e Dalmazia, corso Sardegna. In centro città, corso Saffi, via Gramsci, viale Brigate Partigiane.
Nel Medio ponente e Val Polcevera – Via Cantore, via Fillak e lungomare Canepa.
Nell’estremo ponente – Via Prà e lungomare di Pegli.

In queste vie dalla prossima settimana saranno svolti sopralluoghi per trovare rimedi per renderle più sicure: segnali che avvertono del pericolo o invitano a diminuire la velocità, telecamere, interventi strutturali per addolcire una curva o sostituire guard rail o l’impianto d’illuminazione.

L’Osservatorio sull’incidentalità stradale parte dai dati forniti dal Crmais (il Centro Regionale di Monitoraggio ed Analisi Incidenti Stradali) e l’escalation di incidenti mortali, a quota 16 a Genova nel 2017. Nel 2016 erano stati solo 15, ma dalla sezione infortunistica della polizia municipale sottolineano che la media dei decessi degli altri anni si è attestata sempre fra i 20 e i 25 morti.