Duvan Zapata: «Giampaolo mi ha chiesto di imparare i suoi movimenti. Sto lavorando per recuperare»

Il nuovo attaccante della Sampdoria, Duvan Zapata, ai taccuini de La Repubblica ha spiegato la scelta di vestire il blucerchiato e gli allenamenti agli ordini di Marco Giampaolo.

«Fisicamente sto bene, ma rispetto ai miei nuovi compagni sono un po’ indietro. Per costituzione sono grande e grosso, ho un fisico difficile da far entrare in forma, mi servirebbero tante partite per ingranare e in tutta l’estate ho giocato appena un’amichevole. Ma ogni singolo giorno in gruppo mi aiuterà a entrare in forma. Vengo da un’estate al seguito del Napoli in cui praticamente mi sono sempre allenato da solo, è bastato un giorno insieme agli altri compagni per stare meglio. Giampaolo mi ha chiesto da subito di imparare i suoi movimenti, oltre che fare quello che per cui sono stato scelto, segnare. Sto lavorando sul video, devo recuperare i compagni che dopo tutta la preparazione hanno già i meccanismi di squadra in testa. La Samp che ho conosciuto l’anno scorso è una squadra che gioca il pallone, che diverte, dalla manovra fluida, con due attaccanti e un trequartista in avanti. L’anno scorso facevo più fatica, il gioco era palla lunga per Zapata e toccava a me far salire i compagni: ora conto di avere ben più occasioni da gol, e divertirmi anche di più. In quanto al pubblico, ho scelto questa realtà anche per il calore sugli spalti».