Porto di Trieste: di Wärtsilä il primo progetto concreto

Arriva da Wärtsilä, azienda finlandese specializzata in sistemi di propulsione ed energia per uso marino e centrali elettriche, il primo progetto concreto per lo sviluppo delle attività logistiche ed industriali per la free zone del porto di Trieste. Presentato insieme all’Interporto Fernetti, la società finanziaria Friulia e all’Autorità di sistema portuale, prevede la cessione da parte di Wärtsilä di 73’000 metri quadrati in due edifici. In questi spazi, che saranno gestiti da una joint-venture tra la Friulia e l’Autorità di Sistema Portuale, avverranno le attività di trasformazione in regime di esenzione fiscale.Uno dei due edifici, in particolare, ospiterà attività di completamento industriale, che partiranno entro i primi mesi dell’anno prossimo.