Confitarma chiede intervento di ABI contro azioni speculative a danno della flotta mercantile italiana

Il Consiglio di Confitarma, nel corso della riunione di ieri, martedì 11 luglio, ha preso in esame la situazione della società associata RBD Armatori.

In particolare, il Presidente Emanuele Grimaldi, ha rilevato un comportamento molto aggressivo di Pillarstone che ha deciso di agire nei confronti della RBD Armatori, dopo aver ottenuto la cessione dei crediti da parte di Banca MPS e di Intesa Sanpaolo.

Senza entrare nel merito di tale cessione, Confitarma evidenzia come tale comportamento sia censurabile alla luce degli accordi a suo tempo sanciti con ABI che, con una specifica circolare, aveva invitato le banche associate a concordare e coordinare con gli armatori eventuali cessioni di credito.

Ciò non in chiave preferenziale, bensì al fine di mantenere intatta la capacità dell’industria e preservare il know-how e l’occupazione in un settore strategico per il nostro Paese.

L’azione esecutiva nei confronti di RBD Armatori, a distanza di soli 3 giorni dalla cessione del credito a Pillarstone, oltre a contravvenire i principi di deontologia contenuti nella suddetta circolare ABI, fa sorgere dubbi sulla genuinità dell’operazione.

Confitarma chiederà nelle prossime ore, una riunione del “Tavolo Tecnico” instaurato con ABI e Banche al fine di mitigare un fenomeno che potrebbe costituire un pericoloso campanello d’allarme a danno della flotta mercantile italiana, oggetto di ingenti investimenti che hanno determinato la sua espansione ed il suo ammodernamento.