Vialli precisa: “Dopo Wembley piansi per quattro anni, ho soltanto espresso un paradosso”

“Ho pianto per quattro anni dopo quella finale, figurarsi se per me quella sconfitta fu un bene. Fu un dispiacere immenso, come per tutti i tifosi della Sampdoria. In realtà ho espresso un concetto già espresso in passato: ovvero che senza quella vittoria i ciclo vincente del Barcellona non si sarebbe aperto. Per me è un paradosso, perché soffrii in modo tremendo”.

 

Lo ha detto Gianluca Vialli a Repubblica dopo le dichiarazioni rese ad uno speciale spagnolo su Barcellona-Sampdoria del 19 maggio 1992 a Wembley (“Per il bene del calcio era giusto che vincesse il Barcellona”).