Vialli choc: “Per il bene del calcio era giusto che a Wembley vincesse la Coppa il Barcellona”

Esattamente 25 anni fa la Sampdoria perdeva a Wembley la Coppa dei Campioni in finale contro il Barcellona. Una pagina dolorosa ma anche storica per i tifosi blucerchiati, che invasero Londra in 30.000. Fu la fine di un ciclo straordinario, fatto di trionfi in Italia e all’estero.

 

A decidere il match, fu il gol di Ronald Koeman ai tempi supplementari.

 

In Spagna, dopo 25 anni dal primo trionfo nella massima competizione europea del Barcellona, è stato realizzato un documentario e anche Gianluca Vialli è stato intervistato. L’ex centravanti della Sampdoria avrebbe detto: “Sono convinto che senza quella vittoria,  il Barcellona non sarebbe quello che è oggi. Per il bene del calcio era giusto che il Barcellona vincesse“.

Poi ha aggiunto sorridendo: “Le mie scarpe dovrebbero stare nel museo del Barcellona per le occasioni che ho fallito”.

 

Infine Vialli ha ricordato il suo vecchio allenatore Vujadin Boskov: “Dopo la sconfitta io e Mancini eravamo in lacrime e Boskov ci disse: ‘I veri uomini non piangono per una partita di calcio’”.

 

Conoscendo Vialli e il suo attaccamento alla Sampdoria, sempre manifestato, probabilmente si è trattato di uno scivolone, un fraintendimento o una dichiarazione riuscita male. Ma sarebbe opportuno che la rettificasse, proprio per il suo legame con l’ambiente blucerchiato e il rispetto da lui costantemente dimostrato.