Sconto di pena per Armando Izzo: squalifica ridotta a sei mesi con un’ammenda di 30.000 euro

Il ricorso di Armando Izzo, giocatore del Genoa accusato di due omesse denunce su presunte “combine” con riferimento a match dell’Avellino (per cui era allora tesserato) risalenti alla primavera del 2014, è stato in parte accolto dalla Corte di appello federale: il calciatore è stato squalificato per 6 mesi e condannato o pagare un’ammenda di 30mila euro.