Iraq invita Italferr a candidarsi come partner strategico per la realizzazione di progetti infrastrutturali

Sviluppare le infrastrutture dell’Iraq con la collaborazione di Italferr, società d’ingegneria di Fs Italiane. E’ stato l’obiettivo dell’incontro a Roma tra Carlo Carganico e Riccardo Maria Monti, rispettivamente amministratore delegato e presidente di Italferr, e il ministro dei Trasporti dell’Iraq, Kadhim Finjan, accompagnato dall’Ambasciatore iracheno in Italia, Ahmad Bamarni, e da una folta delegazione. Durante l’incontro, a cui ha partecipato anche Vincenzo Amendola, sottosegretario del ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale con delega al Medio Oriente – spiega una nota di Fs – la delegazione irachena ha invitato Italferr a candidarsi come partner strategico nella realizzazione delle suoi progetti infrastrutturali. “L’obiettivo è quello di essere presenti in questo territorio così strategico e potenzialmente interessante per il nostro business apportando competenze, know how ed eccellenza ingegneristica made in Italy”, ha commentato Carlo Carganico. “Italferr e Fs Italiane sono pronte a candidarsi da subito per operare anche in qualità di General Contractor e realizzare in Iraq infrastrutture strategiche a qualsiasi livello”. Mentre Riccardo Maria Monti ha evidenziato le expertise che qualificano Italferr come eccellenza italiana nel settore ingegneristico e le opportunità di sviluppo che l’Iraq offre. Il sottosegretario Amendola ha evidenziato lo stretto rapporto di amicizia che unisce i due Paesi. L’Italia, ha ricordato Amendola, è impegnata da tempo a sostenere le forze irachene che con la coalizione internazionale stanno liberando l’Iraq dal terrorismo, come testimonia la battaglia in queste ore a Mosul e, nel contempo, è al fianco del governo nella ricostruzione civile, infrastrutturale ed economica dell’Iraq.