La Liguria e il commercio sempre più digitale

L’importanza dell’e-commerce sembra essere stata ben compresa dalle aziende liguri, che stanno puntando con crescente convinzione verso questa nuova frontiera del commercio. Confartigianato Liguria ha pubblicato i dati dell’aumento dell’uso del commercio via internet, cresciuto con un ottimo +13,5% in solamente un anno.  Sono tanti i fattori che hanno contribuito a questo ottimo risultato: consapevolezza, assunzioni mirate, scelta delle piattaforme atte ad accettare le migliori carte di credito. E’ però anche vero che questo risultato è presente soprattutto nelle aziende che hanno più di 10 dipendenti, mentre per le micro e mini imprese la situazione non raggiunge ancora livelli di sufficiente maturità. Comunque è da sottolineare che nel 2014 la Liguria era solo diciottesima per la presenza dell’e-commerce tra le proprie aziende, mentre per questo risultato è riuscita a raggiungere il quinto posto. Da notare che al primo posto troviamo la Valle d’Aosta (+23,2%), Bolzano (+20,9%) e al terzo posto Trento (+18,3%). In coda troviamo le Regioni del Sud con l’ultimo posto occupato dalla Calabria. Anche il presidente di Confartigianato Giancarlo Grasso ha commentato il dato volendo mettere in evidenza il fatto che “L’e-commerce è un canale di vendita utile anche alle piccole imprese per valorizzare, promuovere e commercializzare i propri prodotti anche in Paesi lontani, dove il made in Italy è un brand noto per eccellenza e qualità, in particolare nel settore dell’agroalimentare” ed ha inoltre aggiunto che “Come dimostrano i dati, anche le imprese liguri dimostrano di comprendere l’importanza di questo strumento, fondamentale per la crescita e lo sviluppo del nostro tessuto economico”. Vendere online è la chiave del successo? Non necessariamente in Italia ma apre le porte senza limiti oltre i confini del nostro Paese. Infatti la percentuale degli utenti che ha acquistato on line nel corso del 2016 in Italia è sceso di quasi 40 mila unità, anche se rimane su percentuali abbastanza elevate, ma non ancora all’altezza della media europea.