“Chiede” a Google i motivi del suo malessere, poi muore

Un uomo di 50 anni è morto ieri pomeriggio a Camogli a bordo di un treno: la vittima è stata trovata con un cellulare in mano mentre stava cercando di scoprire su Google i motivi del malessere che lo ha colpito qualche istante prima di perdere la vita.

Tragedia – Il 50enne, di Isola Vicentina, stava viaggiando sull’Intercity 669 da Milano a La Spezia quando ha iniziato a stare male. L’uomo, invece di chiamare i soccorritori, ha cercato di capire cosa gli stava accadendo usando il famoso motore di ricerca con il telefono e con il passare dei minuti è svenuto ed è deceduto. A bordo del treno era presente un medico che ha provato a rianimare la vittima ma è stato tutto inutile. Il convoglio è stato fermato dal magistrato di turno per consentire di avviare le indagini sul decesso. La salma è stata trasportata al San Martino e posta sotto sequestro.

Viaggio – Trenitalia nel giro di 40 minuti ha predisposto il trasferimento di tutti i passeggeri su un altro treno, un regionale diretto alla Spezia. Le indagini sulla morte del cinquantenne sono state avviate dai poliziotti della Polfer e dai carabinieri di Camogli e della Compagnia di Sestri Levante, i primi a intervenire sul treno.