Coldiretti Liguria su taglio Irpef agricola: “Boccata d’ossigeno per 8 mila imprese liguri”

Dopo la cancellazione dell’Imu e dell’Irap e la compensazione Iva sulle carni bovine e suine, nella legge di Stabilità prevista per il 2017 il Consiglio dei ministri ha previsto l’azzeramento dell’Irpef agricola.

Agricoltura – “A beneficiarne saranno circa 8 mila imprese liguri – sottolinea Gerolamo Calleri, presidente di Coldiretti Liguria – Un provvedimento che segna un’importante inversione di tendenza sul ruolo dell’agricoltura in Italia rispetto agli ultimi decenni: l’agricoltura sta tornando ad avere un ruolo fondamentale per il nostro Paese”.

Contributi – “Non si tratta dell’unica agevolazione per il settore. La legge di Stabilità prevede inoltre che gli imprenditori agricoli under 40 siano esonerati dal versamento dei contributi previdenziali: nei primi tre anni dalla creazione di impresa l’esenzione sarà del 100%, per poi passare al 66% e al 50% rispettivamente per il quarto e il quinto anno – prosegue – Un’ulteriore spinta alla battaglia per il rafforzamento del made in Italy è l’entrata in vigore, dal 14 ottobre 2016, dell’etichettatura obbligatoria sulla filiera del latte e formaggi. E ci aspettiamo a breve l’introduzione dell’etichettatura obbligatoria anche per la pasta, per tutelare al 100% la filiera italiana del grano”.

Traguardi – “Coldiretti ha sollecitato con forza e determinazione l’adozione di questi provvedimenti – conclude Gerolamo Calleri – Provvedimenti che consentiranno anche alle imprese liguri di recuperare importanti risorse economiche da destinare a nuovi investimenti, per esempio nel campo dell’innovazione: a oggi, nonostante le difficoltà dettate dalla conformazione fisica del territorio, le nostre aziende hanno saputo raggiungere traguardi d’eccellenza di tutto rispetto, contribuendo alla crescita dell’occupazione e all’offerta dei prodotti del made in Italy”.