Riparazioni navali, lavoratori in corteo: “No allo spostamento”

Manifestazione da parte dei lavoratori delle Riparazioni Navali: il corteo, partito intorno alle 8 dalla zona di Caricamento, ha raggiunto via Fieschi sede del Consiglio Regionale dove è in corso la seduta odierna.

Protesta – I dipendenti sono scesi in strada “dopo che la settimana scorsa alcuni comitati hanno depositato in Prefettura la richiesta di intervento del Ministero dell’Ambiente per tutelare ambiente e salute dei cittadini, minacciati, a loro dire, da quelle lavorazioni compiute a ridosso della città”. Inoltre la portavoce M5s in Consiglio regionale, Alice Salvatore, aveva presentato una mozione per lo spostamento del comparto ad almeno 5 km dal centro abitato.

Lavoro – “E’ un’idea irresponsabile – dice il segretario della Fiom Bruno Manganaro – perchè dietro l’idea dell’ambiente qualcuno pensa di chiudere attività produttive. Noi all’ambiente ci teniamo, come abbiamo sempre dimostrato con Ilva. Non può essere che qualche migliaio di
famiglie perda il reddito in questo modo. Chiediamo a Regione e istituzioni una posizione esplicita a difesa del futuro di questo settore”.